• Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • Photogallery
  • Videogallery
  • Download
  • Link
  • Glossario
  • Il progetto

Di che cosa è fatto il mare - 8

  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  5 
  •  6 
  •  7 
  •  8 

Sostanze “amiche” e “nemiche” dell’acqua

Ma l’acqua non è la sola sostanza che può formare legami idrogeno: infatti esistono altre sostanze “polari”, e quindi l’acqua può stabilire delle interazioni con tali sostanze, dette idrofile (dal greco hìdor=acqua phìlos=amico).
L’acqua non può stabilire interazioni con le sostanze non polari, dette idrofobe (dal greco hìdor=acqua e phòbos=che teme).

A contatto con l’acqua le sostanze polari si disgregano e si disperdono fra le molecole del liquido; le sostanze non polari invece tendono ad aggregarsi fra di loro. Ad esempio l’olio nell’acqua si separa visibilmente formando delle chiazze sulla superficie. Le sostanze polari idrofile sono quindi in certa misura solubili nell’acqua, mentre quelle apolari idrofobe non lo sono.
Sono sostanze polari (e quindi idrofile) l’alcool, gli zuccheri. Sono invece completamente apolari gli oli e le cere (idrorepellenti), e gli idrocarburi (petrolio).